FAQ
PDF Stampa E-mail

- Posso donare se sono in gravidanza? E se ho già partorito ma sto ancora allattando?

No, se una donna è in gravidanza o sta allattando, non verrà effettuata alcuna procedura di donazione, sia essa di midollo osseo o di cellule staminali periferiche. La donazione è possibile solamente dopo un anno dal parto e 6 mesi dalla fine dell’allattamento.


- Posso donare se la donazione viene programmata durante i giorni del ciclo?


Si, non vi è alcuna controindicazione alla donazione durante il ciclo mestruale.  Tuttavia, essendo quasi sempre una donazione programmata il medico del centro trasfusionale solitamente fa sì che la donazione avvenga comunque lontano dal ciclo mestruale (2-3 giorni dopo)


- Se ho un tatuaggio o un piercing, posso donare?

E’ possibile effettuare la donazione solo se sono trascorsi 4 mesi da quando è stato fatto il tatuaggio o il piercing.


- Se prendo la pillola posso donare?

Si, la pillola non rientra tra i farmaci che escludono temporaneamente dalla donazione.


- Il midollo osseo è diverso dal midollo spinale?

Il midollo osseo è un tessuto che si trova all’interno delle ossa dello scheletro ed è un tessuto da cui hanno origine tutte le cellule del sangue, il midollo spinale è tessuto nervoso contenuto nella colonna vertebrale. Sono due tessuti totalmente differenti nell’aspetto, costituzione e funzione all’interno dell’organismo.


- La donazione è una operazione dolorosa?

Per quanto riguarda il prelievo di midollo osseo dalle creste iliache del bacino, si può avere un po’ di dolore (comunque sopportabile) dopo la donazione, ma in genere tale dolore scompare nel giro di pochi giorni. Nel caso della donazione di cellule staminali per aferesi, si possono avere dei dolori simil-influenzali dovuti all’effetto dei fattori di crescita che devono essere assunti nei 5 giorni precedenti alla donazione.


- Il midollo osseo si riforma?

Si, il midollo osseo si rigenera in tempi rapidi circa 20-30 giorni, e non richiede precauzioni particolari dopo la donazione.

 

- Posso decidere a chi donare?

No, la donazione è un atto volontario e gratuito; dal momento in cui si decide di diventare donatori non vi è la possibilità di decidere a chi donare.


- Per quanto tempo devo rimanere ricoverato?


La donazione del midollo richiede 1-2 giorni di ricovero; nel caso di donazione di cellule staminali si tratta di un day hospital di circa 3-4 ore. La convalescenza dura circa una settimana sia nel caso di espianto di midollo, qualche giorno nel caso di prelievo per aferesi.

- Posso mettermi in malattia se devo donare?

I giorni di ricovero ospedaliero per la donazione vengono considerati come giorni di malattia; poi sarà il medico di famiglia, su indicazione dello specialista di reparto, che eventualmente prescriverà dei giorni di convalescenza post-operatori che verranno considerati come malattia. Nel caso della donazione per aferesi, vi è la possibilità di avere dei permessi retribuiti relativi ai giorni di assunzione dei fattori di crescita prima della donazione e poi il giorno della donazione verrà considerato come malattia. Anche in questo caso con il certificato medico i giorni di convalescenza possono essere considerati giorni di malattia.


- Posso sapere a chi ho donato o dove va a finire il midollo?


No, l’identità così come la nazionalità e ovviamente qualsiasi altro dato che possa identificare il ricevente devono rimanere anonimi per legge.


- Posso donare se ho abortito?


Si, devono però essere trascorsi almeno 6 mesi dall’aborto.


- Quali patologie precludono la donazione?

Vi sono diverse patologie che precludono la donazione in maniera definitiva, come ad esempio AIDS, anemie, aritmie cardiache; altre conferiscono al donatore una inidoneità temporanea. Per avere delle informazioni precise puoi rivolgerti ad ADMO e per problemi o chiarimenti sanitari specifici ad un medico del centro trasfusionale.


- Per donare devo recarmi nella stessa città della persona che riceverà il mio midollo o le mie cellule staminali?


No, la donazione avviene nel centro di prelievo più vicino alla città del donatore. Il midollo osseo o le cellule staminali sono raccolte in una sacca e trasportate da personale autorizzato con le opportune modalità al Centro Trapianti dove è ricoverato il malato.


- Quante volte posso donare?


Si può donare per un non consanguineo una volta sola; nel caso in cui vi sia necessità il donatore può essere chiamato ad effettuare una seconda donazione tramite aferesi per la stessa persona a cui ha donato la prima volta.

La donazione per un non consanguineo non preclude la possibilità di donare successivamente per un familiare.


- Quanto dura la donazione di midollo osseo?


L’intervento dura da 30 a 90minuti, dipende da quanto midollo osseo deve essere prelevato.


- Quanto dura il prelievo di cellule staminali?


Il prelievo dura circa 3-4 ore.


- Quali rischi si corrono con la donazione?


I rischi relativi alla donazione di midollo osseo sono quelli collegati agli effetti collaterali dell’anestesia, per la procedura di aferesi non vi sono particolari rischi, ci possono essere effetti collaterali legati all’uso dei fattori di crescita


- Se sono in menopausa posso donare?

Si, l’importante è che non si sia superata la soglia dei 55 anni.


- Una volta iscritto, posso poi rifiutarmi di donare quando chiamato a farlo?


Si, la donazione è un gesto assolutamente libero e il Consenso alla donazione può essere ritirato in qualsiasi momento. Allo stessa maniera un donatore può chiedere di essere cancellato dal registro IBMDR se non vuole più donare.


Se mi sono iscritto ad ADMO e poi cambio residenza cosa devo fare?


Bisogna comunicare il cambio di indirizzo ad ADMO che provvederà a comunicarlo all’IBMDR. Se il donatore lo desidera può comunque rimanere socio di ADMO Padova anche se ha cambiato città, altrimenti verrà da noi indirizzato all’ADMO più vicina al nuovo luogo di residenza.


Se sto prendendo dei farmaci posso donare?


Vi sono alcuni farmaci la cui assunzione implica un’ inidoneità temporanea alla donazione. Per avere informazioni precise puoi rivolgerti ad ADMO Padova o ad un medico del centro trasfusionale.


Posso decidere quale tipo di donazione effettuare?

Il tipo di donazione viene inizialmente proposto dal centro di trapianti in base alla malattia del paziente. Sarà il medico trasfusionista ad informare in modo preciso ed esaustivo il donatore e a suggerire il tipo di donazione adeguata in base allo stato fisico del donatore e del ricevente (peso e/o malattia). Il donatore può comunque rifiutare il tipo di donazione suggerita.


Per tipizzarmi devo pagare il ticket? E per la donazione?

Tutti gli esami e le procedure previste per la donazione sono totalmente gratuiti per il donatore; non è neppure necessario avere l’impegnativa del medico.

 
News

LE FIAMME ORO CON I DONATORI DI MIDOLLO OSSEO

Leggi tutto...
 

San Valentino, la festa della donna e della mamma

 

Leggi tutto...
 

Questa la foto che sta facendo notizia!!

Leggi tutto...
 

Nova Symphonia Patavina e ADMO Padova

Leggi tutto...
 

Ascolta l'intervista al nostro presidente Paola Baiguera

Leggi tutto...
 

LA NUOVA APP ADMO PADOVA con Alì Supermecati

Leggi tutto...
 

Ecco i Vincitori del Concorso "Una Maglietta per ADMO"!!!

Leggi tutto...
 

Protocollo d'intesa con CALCIO PADOVA C5

Leggi tutto...
 

Torneo BEPI per ADMO Padova

Leggi tutto...
 

Calciatori di calcio a 5 del Padova si iscrivono al registro dei donatori di midollo osseo di Pado

“


 

Oggi condividiamo la storia di Elena

Leggi tutto...
Visitatori

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di più visitaprivacy policy.

Accetto i cookie da questo sito